Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_messico

Festa della musica, piano jazz

Data:

21/06/2017


 Festa della musica, piano jazz

In occasione della Festa della musica, che si celebra in tutto il mondo il 21 giugno, l’Istituto Italiano di Cultura invita al concerto del pianista jazz Vincenzo Danise.

 

Vincenzo Danise è nato a Napoli a pochi passi dalla stazione Centrale, in un rione, le Case Nuove, che negli anni è stato il regno di clan feroci. E’ cresciuto nei vicoli dove tuttora vive e da ragazzino si è trovato, come tanti in quella zona, davanti a un bivio: entrare nel “sistema” (come è chiamata la camorra a Napoli) o salvarsi. Così si è aggrappato alla sua zattera in mezzo alle onde, un pianoforte scoperto già a 6 anni. Studiava la musica e intanto faceva il cameriere dove capitava. Un giorno, neppure 15enne, stava lavorando in un circolo nautico quando qualcuno gli ha chiesto di lasciare il vassoio e mettersi al piano per intrattenere i presenti. Tra loro c’era anche Roberto De Simone, il grande compositore e fondatore della Nuova Compagnia di Canto Popolare. Capisce che Danise ha talento e lo indirizza verso una maestra che segnerà per sempre la sua vita. Da quel momento non lascia più la musica, si diploma al Conservatorio di Napoli e intanto suona in giro per l’Europa con alcuni dei jazzisti più importanti: Billy Hart, Renaud Garcia-Fons, Eddie Gomez, Massimo Moriconi. Ma da bravo scugnizzo non dimentica la strada, così crea il progetto “Danise on the road”: porta il pianoforte nelle piazze di Napoli e suona il jazz tra la gente comune. E’ un successo enorme.

E’ in questo modo che si guadagna il titolo di “scugnizzo del jazz”. Vince premi, tra cui il “Waltex Jazz Competition” che nel 2009 gli permette di pubblicare il primo disco “Immaginando un trio”. Restando "on the road" arriva in Brasile, dove nel 2016 suona in diverse città e dove torna con una tournée a marzo 2017 per presentare il nuovo disco “Saravà”, uscito il 10 febbraio per l'etichetta Full Heads.

Saravà, il potente mantra con cui affronta anche la sua campagna #occupypiano, una sorta di resistenza musicale: suonare ovunque ci sia un pianoforte libero (in stazione, in un locale, per strada...) e anche dove non si può (con iPad allo stadio o con un cellulare in aereo, per esempio).

Informazioni

Data: Mer 21 Giu 2017

Orario: Alle 20:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura

Testata:

Festa della musica

884