Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_messico

Concerto. Musica del Messico nel secolo XX

Data:

22/04/2017


Concerto. Musica del Messico nel secolo XX

L'Istituto Italiano di Cultura in collaborazione con l' Instituto Nacional de Bellas Artes invitano al concerto Musica del Messico nel secolo XX.

Lourdes Ambriz, soprano

Alberto Cruzprieto, pianoforte

 

Programma

Manuel M. Ponce (1882-1948)

Seis poemas arcaicos

Más quiero morir por veros (Texto de Juan del Encina)

Zagaleja del casar

De las sierras

Sol, sol, gi, gi

Desciende el valle

Tres morillas

Eduardo Hernández Moncada (1899-1998)

Tres sonetos de Sor Juana

Con el dolor de la mortal herida

Al que ingrato me deja

Yo no puedo tenerte ni dejarte

José Rolón (1876-1945)

Dibujos sobre un puerto

El alba

La tarde

Nocturno

Elegía

Cantarcillo

El faro

Oración

Testi di José Gorostiza

 

Intermezzo

 

Silvestre Revueltas (1899-1940)

Cinco canciones para niños

Caballito (Testo di Antonio de Trueba)

Las cinco horas (Anónimo)

Canción tonta (Testo di Federico García Lorca)

El lagarto y la lagarta (Testo di Federico García Lorca)

Canción de cuna (Testo di Federico García Lorca)

El tecolote (Testo di Daniel Castañeda)

Ranas (Testo di Daniel Castañeda)

Dúo para pato y canario (Testo di Carlos Barrera)

Rodolfo Halffter (1900-1987)

Dos sonetos Op. 15

Miró Celia una rosa

Feliciano me adora

Testo di Sor Juana Inés de la Cruz

Marinero en tierra Op. 27

Qué altos los balcones

Casadita

Siempre que sueño las playas

Verano

Gimiendo por ver el mar

Testo di Rafael Alberti

 

Lourdes Ambriz

Si è presentata in vari scenari d’Europa, America, Africa e Medio Oriente. Ha collaborato con direttori quali Charles Bruck, Eve Queler, Lukas Foss, Enrique Ricci, Miguel Roa ed Eduardo Mata. Ha cantato con Placido Domingo, Justino Díaz, Francisco Araiza, Ramón Vargas e Rolando Villazón. E’ stata interprete solista con le sinfoniche di Dallas e San Francisco, l’Orchestra da Camera di Saint Paul negli Stati Uniti, e del Centro Nazionale delle Arti in Canada, la Simon Bolivar di Venezuela, la Deutsche Kammerakedemie, l’orchestra dell’Opera di Praga, l’Opera di Malaga, l’Ensamble Elyma e il Quartetto Arditti e molte altre.

Nel 2010 ha partecipato alla produzione dell’opera Montezuma di Graun, presentata dalla compagnia Teatro de Ciertos Habitantes a Mülheim, Edimburgo, Amburgo, Madrid e nel Festival Internazionale Cervantino a Guanajuato. Attualmente è membro del cuartetto vocale Armonicus Cuatro che presenta un repertorio che va dal medioevo al giorno d’oggi. Forma inoltre parte del cuartetto vocale femminile Streghe, specializzato in musica contemporanea e collabora con il gruppo La Decima Musa realizzando programmi barocchi per due soprani.

Fra le sue numerose registrazioni ricordiamo le opere Aura di Lavista, The Visitors di Chávez, Montezuma di Graun ed El coyote y el conejo di Rasgado. In collaborazione con Luis Antonio Rojas, contrabbassista, ha inciso il disco Cuerpo del verano con musica originale per soprano e contrabbasso di diversi autori, grazie al programma di ‘Proyectos y Coinversiones’ del FONCA e Quindecim Recordings.

Alberto Cruzprieto

Musicista con un repertorio eclettico e poco comune, ha presentato numerosi recitals in Messico, Finlandia, Germania, Egitto, Irlanda, Holanda, Scozia, Inghilterra, Francia, Stati Uniti, Canada,Polonia, Belgio, Ungheria, Colombia, Spagna, Salvador e Austria. Ha compiuto i suoi studi presso la Scuola Superiore di Musica sotto la guida di José Arceo Jácome.

Fra gli eventi più importanti a cui ha preso parte, ricordiamo México, esplendores de treinta siglos a San Antonio; la Fiera Internazionale del libro di Francoforte, la Expo Internazionale di Siviglia, il Festival Europalia di Bruxelles, il Festival Internazionale di Piano a Bucaramanga, in Colombia, la Saison Musicale de Musée de L’armée all’ Hôtel National des Invalides, Festival Musiques Métisses ad Angulema oltre a diversi festival di world music a Nancy, Strasburgo, Poitiers, La Rochelle e Massy in Francia.

Nel dicembre del 2016 si è presentato nell’ Auditorium du Gran Palais a Parigi, nell’ambito dell’esposizione Mexique 1900-1950. La sua discografia è composta da 45 dischi fra cui menzioniamo The Man I Love, Nocturnos de Chopin, Bleu, Ponce y sus contemporáneos, Imagines mexicanas para piano, Déco, Concierto para piano y alientos di Stravinsky con la direzione di Eduardo Mata, Valses mexicanos 1900, Canciones arcaicas con la soprano Lourdes Ambriz e Gauguin, nominato al Grammy Latino 2001. E’ stato membro dell’ensamble Solistas de México fondato da Eduardo Mata. Fa parte del gruppo ‘Concertistas de Bellas Artes’. E’ artista exclusivo della prestigiosa marca di strumenti Yamaha.

 

Informazioni

Data: Sab 22 Apr 2017

Orario: Alle 17:30

Organizzato da : Istituto italiano di Cultura

In collaborazione con : Instituto Nacional De Bellas Artes

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura

Testata:

Musica del Messico nel secolo XX.

867